Obiettivo

Lo sviluppo e la diffusione di una cultura della prevenzione, come segno di civiltà di una comunità fondata sulla pace.


Premessa
Il progetto nasce dalla constatazione che la salute e la pace sono realtà umane sempre meno coltivate dentro l’ uomo, nella famiglia e nella comunità.
La necessità di un’ azione preventiva nell’ ambito del mantenimento della salute individuale e della comunità è più che giustificata dalle condizioni in cui versano il pianeta e i suoi ospiti.
Il degrado ambientale si accompagna al degrado umano in un processo degenerativo circolare.
L’effetto serra, il dissesto idrogeologico, l’ inquinamento dell’acqua, dell’aria, della terra, sono fenomeni che l’ uomo ha in parte provocato. I motivi profondi di queste catastrofi risiedono nella scissione umana transgenerazionale mondiale: cioè di una separazione tra corpo e mente, trasmessa energeticamente e culturalmente di generazione in generazione.
Gli uomini si sono allontanati dai principi di armonia e pace seminando odio e distruzione a partire dal proprio corpo.
I dati epidemiologici mettono in evidenza un profondo scollamento tra gli elementi costitutivi dell’uomo e della natura.
In particolare oggi nella nostra valle si muore prevalentemente di disturbi legati al sistema cardio-circolatorio e per forme tumorali.
Nel 1997 il 23,33% delle donne e il 36,92% degli uomini morivano per forme tumorali; il 47,65% delle donne e il 33,87% degli uomini morivano invece per disturbi cardio-vascolari. Nel 1994 in Italia sono decedute 154773 persone per forme tumorali e 240131 per disturbi cardio-vascolari.
Questi dati dimostrano che il cuore, il sangue e comunque tutte le cellule dell’organismo, tendono alla disarmonia ovvero non partecipano ad un progetto comune perché hanno perso il senso dell’unità.
Il Progetto Harmonia si propone di essere un collante energetico tra natura e cultura, tra l’ uomo e la natura, attraverso i suoi elementi e le trasformazioni che ne derivano nella relazione vitale.
Altre cause di morte nella nostra provincia sono gli incidenti e i suicidi, entrambi comportamenti autodistruttivi, sintomo di allontanamento dalle radici della vita.

Itinerari di crescita

La prevenzione è una condizione di forza fondata sull’unità della vita. Un senso di unità che si apprende fin dal concepimento, da genitori che vivono completamente la loro relazione .
Successivamente in un processo di crescita che permette all’ individuo e alle sue relazioni di esistere in un clima di convivenza pacifica. Le guerre rappresentano il punto estremo di rottura dell’ unità del rapporto tra l’uomo e la natura della vita. Le diversità , etniche , culturali ed economiche sono percepite come elementi di conflitto anziché di ricchezza per l’ umanità.
Proporre itinerari di crescita armoniosa significa mettere le basi per una pace interiore ed esteriore, poiché l’insieme dei disagi psicofisici e di morti precoci manifestano una condizione di scollamento della vita:
dentro l’uomo, tra gli uomini, tra l’umanità e la natura.
Il progetto propone itinerari di crescita con lo scopo di stimolare negli individui le cariche positive che servono a ritrovare la perduta unità con la natura.
I sentimenti di pace e fratellanza sono una conseguenza naturale per uomini che si rinnovano.
Useremo il verbo sentire per identificare una necessità sensoriale, quella di riappropriarci di una dimensione più grande che ci attraversa profondamente, cellula dopo cellula, uomo dopo uomo, all’interno di una grande famiglia. Perciò, sentirsi acqua, legno, fuoco, terra e aria e metallo, rappresenta esserci nella natura a partire dai suoi elementi.
Tale consapevolezza è indispensabile per riprendere il filo che ci collega, come esseri umani, ad un più vasto progetto di armonia cosmica. L’uomo è parte e non il centro della vita del pianeta. Per poter vivere meglio con se stesso ha bisogno di reimparare a stare negli elementi basilari della vita.
Un apprendimento anzitutto sensoriale, semplice e co
nviviale.

I 7 Itinerari di crescita

1- Sentirsi acqua 2- Sentirsi legno 3- Sentirsi fuoco 4- Sentirsi terra 5- Sentirsi aria e metallo 6- Sentirsi nella vita della natura 7- Sentirsi nella grande famiglia umana

Metodologia


L’uomo è energia vitale a diversi stati vibrazionali.
Le strutture ossee per esempio hanno una vibrazione lenta, i gas e i pensieri una vibrazione elevata.
La vibrazione è data dalla qualità delle onde vitali che tengono insieme l’uomo nel pianeta.Tale collegamento è permesso dalla partecipazione costante dell’uomo agli elementi della Natura.
L’armonia, con le leggi dell’universo, permette la forza, poiché corpo, emozioni, sentimento e spirito sono un tutt’uno riassunto nel termine uomo: essere legato alla terra e al cielo.
Nella nostra esperienza familiare il processo di armonia inizia prima ancora della fecondazione e ci accompagna per tutta la vita. Gradualmente, se si sviluppano i 7 itinerari, le comunità (famiglia, scolaresche, gruppi) si riappropriano della globalità della loro esperienza, dal livello fisico a quello spirituale, attraverso l’espressione delle qualità positive (coraggio, amore, gioia, simpatia, serenità), ma anche affrontando (come specificato nell’itinerario 2) i veleni della rabbia, dell’odio e della violenza. Riteniamo che all’alba del nuovo millennio uomini e donne animati da un autentico sentimento di amore, pace e fratellanza, possano partecipare alla crescita di generazioni dai colori nuovi e sgargianti.
La metodologia si avvale della nostra formazione relazionale, centrata sul valore del gruppo e dell’autoregolazione energetica individuale. In particolare:

1. sull’ascolto corporeo come parametro di realtà dell’apprendimento
2.
sulla conoscenza della fisiologia di processi vitali umani e naturali
3.
sullo sviluppo della consapevolezza attraverso l’esplorazione della natura nell’uomo e attorno all’uomo.
4.
sull’integrazione globale dell’esperienza condivisa dentro il gruppo, luogo di scambio e allargamento percettivo della realtà.

Come professionisti della salute che coltivano da anni metodiche di riequilibrio energetico, derivate dall’ incontro tra la tradizione taoista e la bioenergetica fondata sulle scoperte di W. Reich e A. Lowen; ci sentiamo eticamente motivati nel proporre percorsi di prevenzione.
Siamo infatti testimoni della carenza di una cultura permanente dell’unità come valore fondante l’uomo, la coppia, la famiglia ed infine la comunità. Il percorso degli itinerari è volutamente indicativo considerando che ogni persona, famiglia, comunità è portatrice di informazioni costitutive dell’esperienza.
In funzione di ciò le Conoscenze Esperienziali Multidisciplinari ( di seguito C.E.M.) rappresentano punti di incontro tra l’ esperienza del soggetto, coppia, famiglia, comunità e dei conduttori, perciò si collocano nel processo di integrazione. In particolare è fondamentale l’interazione con il corpo docente nelle comunità scolastiche.
Lo scorrere dei 5 movimenti della natura ci riporta alle basi della Medicina tradizionale cinese come l’esempio di validità millenaria di lettura della realtà energetica cosmica.
Tutte le informazioni saranno valide se convalidate dall’esperienza: ecco perché auspichiamo il permanere di un contatto come testimonianza di qualità del progetto. Le fasi di Conoscenza, Consapevolezza, Integrazione Globale sono sempre attuate nell’ambito di un lavoro prevalentemente percettivo, calibrato rigorosamente in relazione alle caratteristiche della comunità di apprendimento. Gli itinerari sono nell’insieme un percorso completo, ma , qualora il contesto di apprendimento lo necessiti, possono essere attuati in forme diverse, previa analisi delle necessità dello stesso.

A chi si rivolge


Ecco perché ci siamo mossi, prima dentro di noi, poi tra i nostri figli e infine proponiamo a Te, padre, madre, insegnante, operatore sanitario, funzionario didattico di considerare la nostra proposta.
Vogliamo sottolineare che, secondo la nostra esperienza, bisogna lavorare con il progetto a più livelli per ottenere dei risultati:
-Nelle famiglie con accertata genealogia patologica, in particolare: tumorale , psicotica e cardiovascolare. -Nelle famiglie dove ci sono bambini da 0 a 3 anni, favorendo il rapporto con la madre e il padre, aiutando gli eventuali fratelli nel rapporto bioenergetico globale.
-Nelle comunità di bambini dai 3 ai 6 anni, per partecipare alla formazione della propria personalità con stimoli bioenergetici che li radichino nel corpo e nella vita.
-Nelle comunità scolastiche con interventi di integrazione ecologica mirati. -In gruppi di giovani e adulti interessati ad una sana e consapevole riproduzione, interventi miranti al risveglio delle sensazioni e dei sentimenti di appartenenza alla vita.

Sentirsi acqua

Ascolto
percezione della nostra dimensione acquatica interiore con tessuti e organi annessi:
reni in particolare.
Percezione del corpo nell’acqua.
Conoscenza tutela del patrimonio ittico e delle acque a partire dagli usi domestici e forme di accumulo dell’energia: ghiacciai, ruscelli, fiumi, laghi, mari, oceani.

Importanza di arrivare alla fecondazione in buono stato di equilibrio energetico. la gravidanza:
la costruzione della struttura umana come esempio di ontogenesi. la struttura elementare dell’emozione nel vivente.
Consapevolezza stare nell’acqua: principi di galleggiamento e acquaticità secondo il modello di R. Pisano.(*libro)
Esercizi di mobilizzazione delle qualità energetica dell’ acqua interiore; contatto nell’acqua domestica del bagno:
possibile oasi sensoriale.
Integrazione globale contatto, massaggio, esercizi energetici individuali e di gruppo, gioco in acqua e verso C.E.M. (Conoscenze Esperienziali Multidisciplinari) incontro con la natura invernale .

Sentirsi legno

Ascolto percezione della nostra dimensione legnosa, costituita da tendini, nervi e organi annessi quali fegato e cistifellea.
Sentirsi albero, bosco, foresta.
Conoscenza tutela del patrimonio boschivo in Valtellina e nel mondo. principi delle erbe officinali presenti nella bioregione. significato globale della nascita. principi di floriterapia secondo E. Bach. relazione tra le funzioni energetiche dell ‘elemento legno e le qualità neurosensoriali, in particolare la vista.
Consapevolezza indagine elementare della struttura emozionale dell’uomo con particolare riferimento alla potenzialità vitale dell’Amore ai limiti della Rabbia e alla degenerazione dell’Odio come prerogativa della guerra interiore ed esteriore. esercizi di mobilizzazione energetica delle qualità legnose dell’ organismo.
Integrazione globale contatto, massaggio, attività aggressiva e creativa come prevenzione della violenza. incontro con il mondo naturale primaverile verso la C.E.M.

Sentirsi fuoco

Ascolto percezione della nostra dimensione di fuoco legata al calore,
al movimento del sangue attraverso il cuore l’ intestino tenue e la circolazione energetica.
Conoscenza l’effetto serra e sue ripercussioni sul clima.
Ruolo degli incendi nella deforestazione. fisiologia energetica del movimento del fuoco interiore nelle sue componenti di coordinazione delle funzioni digestive e mentali.
Consapevolezza esercizi di mobilizzazione del calore dell’energia del fuoco interno.
Esposizione alla luce e studio delle potenzialità del colore. il fuoco infiammatorio dentro l'uomo e tra gli uomini. i processi di apprendimento e i processi di assorbimento intestinale. Integrazione globale contatto umano con la fonte del calore: il cuore.
Massaggio attività legate al sole e C.E.M. incontro con la natura estiva.

Sentirsi terra

Ascolto percezione della componente terrena del nostro corpo attraverso muscoli, tessuto connettivo e sanguigno e organi annessi quali milza, stomaco e pancreas.
Ttutela del patrimonio delle terre ad uso agricolo e delle terre nella loro varietà.
Conoscenza la terra come madre-nutrice degli esseri viventi.
Nascita del cibo e impatto degli inquinanti: l’importanza di una alimentazione biologica integrale. il cibo nella prospettiva energetica: rispettare i ritmi stagionali nell’assunzione delle verdure e della frutta. i processi di trasformazione del cibo dall’origine al consumo.
I processi di trasformazione energetica del cibo dentro l’organismo dalla condizione intrauterina al normale processo nell’adulto. gli animali: rispettare la loro qualità vivente.
Consapevolezza preparazione del pane con prodotti naturali come gesto di amicizia tra uomo e Madre Terra relazione tra alimentazione e percezione della realtà: mangiare insieme fa bene alla comunità. Esercizi di mobilizzazione energetica del movimento terra dentro l’organismo.
Integrazione globale contatto umano, massaggio, gioco a terra, manipolazione con argilla, creta e loro proprietà verso C.E.M. incontro con la trasformazione stagionale.

Sentirsi aria e metallo

Ascolto percezione del moto respiratorio interno come base del ritmo vitale.
Conoscenza tutela dell’aria e conservazione umana e vivente. il ruolo dei traumi esistenziali nella costruzione delle tensioni croniche. gli uccelli come indicatori della vita dell’aria. quali metalli per quale sviluppo: armi o strumenti di armonia .
Consapevolezza la respirazione cellulare e la qualità della ventilazione. l’intestino: storia e biologia di un organo fondamentale dell’ontogenesi. la pelle: contatto, igiene, lucentezza, proprietà riflesse in tutto l’organismo. il principio dell’ologramma. esercizi di mobilizzazione energetica relativi agli elementi aria e metallo.
Integrazione
globale esercizi di contatto, massaggio, giochi all’aria aperta. verso la C.E.M. incontro con la natura autunnale.

Sentirsi nella vita della natura

Ascolto percezione della terra, dell’acqua, del legno, del metallo/aria, del fuoco dentro di sé, nella loro interezza.
Conoscenza il fluire delle stagioni, emozioni, sentimenti dentro e fuori di sé in armonia col pianeta.
Consapevolezza movimento energetico in relazione al ciclo stagionale e nei periodi della vita:
gravidanza, nascita, crescita, sviluppo, declino.
Tecniche di mantenimento della longevità.
Integrazione globale lavoro di gruppo di condivisione del processo evolutivo proposto.

Sentirci parte della grande famiglia umana

Ascolto il contatto umano nella sua essenza e nella sua evoluzione generazionale.
Il padre, la madre, il figlio:
la famiglia come unità di forza vitale.
la comunità come macrounità di forza vitale: l’ importanza del coinvolgimento e della partecipazione.
Conoscenza cogliere nelle diversità etniche e culturali la ricchezza dell’umanità. le tradizioni millenarie di pace e armonia.
Dove la gente e longeva v’è un senso di unità: le esperienze italiane e internazionali.
Consapevolezza le voci e le pratiche del presente:
i premi Nobel per la pace.
Integrazioni lavori di gruppo tesi all’unità, all’amore, alla pace finalizzati a mantenere un contatto costante nella vita.

Costi e Tempi

I costi sono relativi alle comunità di apprendimento, perciò vengono concordati durante un incontro preliminare.
Per le attività svolte fuori dalla provincia di Sondrio, vengono addebitate le spese sostenute.
Ogni itinerario può essere sviluppato da un minimo di 6 ore ad un massimo di 20 ore.

Se vuoi leggere il volantino del programma di Harmonia del 2003 puoi scaricarlo cliccando su harmonia2003.pdf , è in formato pdf , per aprirlo puoi usare Acrobat Reader , se non l'hai installato puoi scaricarlo dal link http://www.adobe.it/products/acrobat/readstep2.html seguendo le semplici istruzioni.

 

Index Harmonia